Come combattere la sindrome del colon irritabile

colon-irritabileLa sindrome del colon irritabile, per quanto non sia classificata come una malattia dai risvolti particolarmente inquietanti, è comunque una patologia che inficia notevolmente la qualità della vita di chi ne è affetto. Pare che circa ¼ della popolazione mondiale soffra di sindrome del colon irritabile e che di questa percentuale la maggior parte sia composta da donne.

Al momento non si ha notizia circa le cause che possono determinare l’insorgere della malattia, né purtroppo si conosce una cura definitiva; si mira quindi semmai a tenere i sintomi al di sotto della soglia del dolore e rendere al paziente la giornata vivibile. La sintomatologia è molto variegata; si possono accusare mal di pancia di intensità variabile, diarrea, meteorismo, stitichezza, flatulenza e si può poi notare persino la presenza di muco nelle feci.

Tra i fattori da mettere comunque in relazione con questa patologia c’è sicuramente l’alimentazione. Non sono poi irrilevanti lo stress e gli sbalzi ormonali. Chi soffre di sindrome del colon irritabile, dovrebbe evitare determinati alimenti; in particolare si dovrebbe fare un uso moderato di cibi grassi, prediligendo comunque i grassi di origine vegetale rispetto a quelli di origine animale. Da evitare del tutto sono invece le bevande con aggiunta di anidride carbonica.

Sarebbe bene inoltre ingerire un certo quantitativo di fibre; quindi frutta e verdura fresche e di stagione, cereali integrali e derivati. Tuttavia le fibre, che agiscono positivamente sulla stitichezza potrebbero, se consumate in dosi eccessive per il proprio organismo, acuire i problemi di gonfiore addominale. Per questo motivo buona norma è introdurle gradualmente nella dieta. Se poi notate che un determinato cibo vi fa stare subito male è chiaro che dovrete in futuro moderarne il consumo.

In ogni caso, vista la variabilità dei sintomi e quindi l’impossibilità di dare dei consigli universalmente validi, resta di prioritaria importanza chiedere un consulto medico.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *