Come prevenire il cancro alla prostata

cancro-prostataLe patologie tumorali a carico della prostata possono essere, almeno in una certa misura, prevenute. Secondo alcuni studi condotti dal Cancer Council Victoria in Australia, in stretta collaborazione con l’Università Western Australia e ancora con alcuni enti europei quali l’Istituto Europeo di Oncologia e neozelandesi come per esempio l’Università di Otago, tale rischio può essere in parte arginato grazie alla pratica sessuale. Un numero di eiaculazioni sufficientemente alto può infatti mettere l’uomo al riparo da simili disturbi. Non è un caso che i ragazzi siano in genere meno soggetti a questo tipo di patologia. Si stima che chi in gioventù, intorno ai 20 anni per intenderci, abbia avuto almeno un’eiaculazione al giorno ha, in età matura, 1/3 di probabilità in meno rispetto agli altri di contrarre questa brutta malattia.

Gli studiosi affermano questo in risposta ai dati di un sondaggio compiuto tra uomini di età compresa tra i 20 ed i 69 anni. A questi volontari sono stati fatti compilare dei questionari in cui venivano chiesti dei dettagli sulla propria sessualità. Rispetto a simili studi svolti in tempi meno recenti questo ha incluso nel novero delle eiaculazioni anche quelle che avvengono spontaneamente durante la notte o causate da atti di masturbazione e quindi non soltanto quelle conseguenti ad un normale rapporto sessuale con eventuali partner.

Da questi questionari è stato possibile evincere che, a prescindere dalla causa scatenante dell’eiaculazione, se questa avviene con una certa frequenza nel tempo comporta una pulizia dei dotti seminali. In particolare verrebbe espunta una sostanza che, ivi ristagnando, può trasformarsi in cancerogena. Inoltre tale prassi porta a piena maturazione le ghiandole connesse alla prostata tutelandole.

Chiaramente ciò non significa che il sesso sia una medicina a tutti gli effetti; contribuiscono alla conservazione della salute anche un corretto regime alimentare ed uno stile di vita salubre.I controlli medici relativi al problema andranno comunque effettuati periodicamente.

Finalmente sembrerebbe essere consigliata all’unanimità una terapia di prevenzione facile e piacevole da seguire!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *