Lo zinco: elemento prezioso per il nostro organismo

zincoPerdita di capelli, difficoltà nella cicatrizzazione delle ferite, invecchiamento precoce dei muscoli e della pelle, forfora. Tutti questi disturbi, fastidiosi e pericolosi per la nostra salute che hanno un unico responsabile: lo zinco. O meglio la mancanza di zinco. Un’alimentazione povera di questo importantissimo elemento, infatti, genera tutta una serie di disturbi che troppo spesso vengono sottovalutati, fino a quando non diventano problemi seri e allora bisogna correre in fretta ai ripari. Per evitare rimedi estremi basta seguire un’alimentazione più equilibrata, con un occhio di riguardo per gli alimenti che contengono zinco.

Assumere le giuste quantità di questo minerale, infatti, aiuta a prevenire tanti piccoli e fastidiosi problemi di salute grazie alle sue riconosciute proprietà antiossidanti,

che rappresentano un difesa fondamentale per la pelle e per i muscoli, che in mancanza di antiossidanti o vitamine varie accelera il processo di invecchiamento dell’organismo. Lo zinco, invece, combatte i sintomi del raffreddore e protegge dalle scottature solari. Viene utilizzato per la preparazione di cosmetici e creme contro la forfora, l’alitosi e se assunto attraverso l’alimentazione rafforza il sistema immunitario. Quando ci si trova di fronte alla carenza di zinco, invece, il gusto si altera, il sistema immunitario diventa più lento e inefficiente, la pelle assume un colorito spento e le cicatrici fanno fatica a guarire. Lo zinco per fortuna si trova in molti alimenti, quindi non è difficile assumerlo attraverso l’alimentazione. Questo elemento, infatti, si trova nella carne, nei salumi, nelle uova, nel latte, nei formaggi e nel pesce e nei legumi, in particolare nei fagioli, nelle lenticchie e nella soia. Una vera e propria miniera di zinco, infine, sono le ostriche e i frutti di mare in generale. Lo zinco dei vegetali è meno disponibile poiché legandosi all’acido fitico può formare un complesso insolubile che non viene assorbito quindi l’organismo non riesce ad utilizzarlo al meglio.

Quindi nel corso della giornata è molto difficile non assumerlo attraverso la dieta. Il problema, invece, consiste nelle quantità di zinco assunte che, a volte sono insufficienti al fabbisogno individuale. Lo zinco, inoltre, è necessario per il corretto funzionamento di molti ormoni, inclusa l’insulina, l’ormone della crescita e gli ormoni sessuali. La dose giornaliera cambia a seconda della fase della crescita aumentando con l’avanzare dell’età. Di solito hanno problemi di carenza di zinco le persone anziane, i vegetariani, chi soffre di reni e le donne durante il periodo del ciclo, poiché, ne perdono una certa quantità attraverso il flusso mestruale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *